Il paese e la storia

Sri Lanka


Il paese e la storia dello Sri Lanka

L’isola di Ceylon fu colonizzata nel 1500 dai Portoghesi, che si insediarono nelle coste meridionali e occidentali. A metà del secolo le colonie furono espropriate dagli Olandesi e nel 1796 furono annesse dal governo britannico alla presidenza di Madras, ma nel 1802 Ceylon venne separata dall’India per costituire una colonia a sé della Corona inglese. Nel 1948 guadagnò l’indipendenza e oggi, lo Sri Lanka, è una repubblica democratica divisa in provincie e distretti.

Lo Sri Lanka ha al suo interno sette siti dichiarati patrimonio mondiale dall’Unesco. I più importanti dal punto di vista archeologico sono racchiusi nel triangolo delle antiche capitali di Anuradhapura, Polonnaruwa, Sigiriya e Kandy. L’introduzione nell’Isola del buddhismo portò gli antichi sovrani alla realizzazione di imponenti opere architettoniche e di alta ingegneria. A questo periodo di splendore seguì la dominazione europea con la colonizzazione, prima ad opera dei portoghesi, poi degli olandesi e infine dei britannici, secoli di storia che hanno lasciato vestigia ben conservate e visitabili con brevi spostamenti.

Sono 12 i parchi nazionali e 52 le aree protette. Considerando le modeste dimensioni dell’Isola questa appare come un piccolo gioiello ecologico, un vero paradiso per gli amanti della natura. Foreste montane si alternano a quella pluviale di Sinharaja, patrimonio dell’Unesco; nello Yala National Park, ma non solo in esso, si possono ammirare esemplari magnifici di leopardo, ma anche elefanti, orsi labiati, scimmie, ed infinite varietà di uccelli. Le balene e i delfini sono visibili nella costa meridionale a Mirissa, ma anche in quella a est, a Trincomalee. La barriera corallina si offre agli appassionati di subacquea nella costa ovest a Hikkaduwua e altre spiagge vicine ma anche nella costa est.

In Sri Lanka si trovano tre dei migliori campi da golf a 18 buche di tutta l’Asia e si trovano nella zona centrale e collinare di Nuwara Eliya e Kandy, città affascinanti che, per la loro posizione, assicurano le condizioni climatiche ideali per il gioco, in un contesto naturale meraviglioso.

Il buddismo ha una prevalenza del 80% con piccole percentuali di induismo e cristianesimo e minime di islamismo. La storia e la tradizione si respirano in molti luoghi: a Kandy, in particolare, ogni anno  verso la fine di luglio e la prima decade di agosto, sotto i raggi magici della luna piena, si ripropone una spettacolare cerimonia buddista con retaggi induisti, la Esala Perahera, dove sfilano elefanti addobbati, decine di danzatori in costume che esercitano rituali antichissimi e passaggi su carboni ardenti. Un misto di esoterismo, cultura e tradizione che stupisce e incanta.

Nel 2004 il Paese è stato gravemente colpito dal disastro dello tsunami ma, grazie agli aiuti internazionali e alla volontà ammirevole della sua popolazione, ha saputo risollevarsi ed è tornato ad essere meta privilegiata del turismo internazionale.

Il 21 aprile 2019 una serie di attentati terroristici ha gravemente scosso il Paese. La situazione si è via via normalizzata e lo stato di emergenza avrà termine il 31 agosto. Nonostante l’efferatezza di questi attacchi la popolazione non si è assoggettata al clima di terrore che si sarebbe voluto instaurare e il suo carattere dolce e ospitale sta riportando lo Sri Lanka alla sua originale accoglienza.

Informazioni Correlate
Le coste

Sri Lanka

Hotels sulla costa Est

Sri Lanka

Hotels sulla costa Ovest

Sri Lanka

Vedi di più
Tour Correlati
Contattaci