5 buoni motivi per visitare Birmania e Indocina
2020-11-04

 

5 buoni motivi per visitare Birmania e Indocina

Il Myanmar, la terra dorata, Paese di profondo misticismo, con tesori disseminati ai quattro angoli del suo territorio e ospitalità non comune, un viaggio in Birmania è assolutamente da fare. Ecco cinque buoni motivi per visitarla:

 

Bagan: un tuffo in una dimensione spirituale

Una pianura di circa 40 km quadrati dove sorgono più di 2000 tra templi e pagode, di diverse fogge grandi ed imponenti, o piccoli ed aggraziati, solitari o raggruppati. E’ considerata una delle meraviglie del mondo, e sicuramente una delle località più importanti di tutta l’Asia.

vicky-t-EY3tC81nFt0-unsplash.jpg

L’incanto del Lago Inle Il Lago Inle si trova nello Stato Shan, e vi incanterà con i suoi paesaggi idilliaci. Situato a 1330 metri di altezza, è lungo 22 km e largo 11. Le sue acque sono calme e punteggiate da ninfee, gigli d’acqua, e dai famosi orti galleggianti, dove gli industriosi Intha, che popolano questa zona, sono riusciti a coltivare pomodori, cipolle, cavoli, meloni, papaya e banane. Montagne verdeggianti abbracciano il lago, sulle cui rive si trovano 17 villaggi su palafitte.

Yangon E’ una città ricca di contrasti e colori: bei palazzi in stile vittoriano del centro, le ville coloniali, i palazzi cinesi a Chinatown, il porto fluviale, ed i 2 idilliaci laghi rigogliosi di vegetazione tropicale, contribuiscono a dare un’atmosfera particolare alla città, rendendola una della capitali più affascinanti del sud-est asiatico. Sulla collina che domina la città, svetta luccicante d’oro la grande pagoda Shwedagon, simile ad una gigantesca campana dorata, meraviglioso simbolo del Paese, considerato dei più bei monumenti religiosi del pianeta.

vicky-t-EY3tC81nFt0-unsplash.jpg

Mandalay L’antica capitale del Myanmar, disseminata di templi buddisti, è una città in cui si può respirare l’essenza di un Paese tradizionale e mistico. In Birmania alcune pagode sono grandi come un villaggio. E nel Paese dell’ascetico buddismo Hinayana i templi ospitano - oltre a riti e preghiere - mercati, raduni, indovini e chiacchiere oziose.

Monywar È solo una piccola cittadina ma si rivelerà come una delle più grandi sorprese e gioielli nascosti del Myanmar. Caratterizzata da elementi culturali di grande interesse come la pagoda di Thambodday, con più di 600 mila immagini di Buddha e due enormi statue di elefanti bianchi a guardia ed il Bodhi Tataung, formato da due gigantesche statue di Buddha: una in piedi da 116 metri e l’altra sdraiata da 95 metri.

5 buoni motivi per visitare l’Indocina

Un azzeccato aforisma coniato pare dai francesi, recita che i vietnamiti piantano il riso, i cambogiani lo osservano crescere e i laotiani lo ascoltano

Laos, terra di pace e serenità Il Laos non è solo una terra di grande bellezza naturalistica, di stupa e pagode, ma è soprattutto una terra di grande serenità e accoglienza, dominato da una lentezza in grado di fare breccia nel cuore del visitatore reduce dal ritmo sincopato della vita in Occidente.

vicky-t-EY3tC81nFt0-unsplash.jpg

Cambogia: un’atmosfera unica E questa atmosfera caratterizza anche la vicina Cambogia sospesa in un limbo di dolce tranquillità, interrotta ogni tanto dall’euforia di qualche città. È un Paese stupefacente che riunisce in un’unica area un sito archeologico strabiliante, in grado di far ammutolire anche il turista più distratto, circondato da una natura sfavillante e una capitale cosmopolita di grande fascino.

 vicky-t-EY3tC81nFt0-unsplash.jpg

Vietnam: una terra da scoprire Anche detto Paese del drago, il Vietnam è una terra in grado di sorprendere per la ricchezza della propria tradizione e per i numerosi e variegati elementi di interesse turistico. Spiagge paradisiache, risaie verdeggianti, siti monumentali di notevole i nteresse storico-culturale, città in espansione caratterizzano questa terra unica da esplorare in lungo e in largo.  

Il fiume Mekong Undicesimo fiume più lungo del mondo, “re d’acqua” dell’Indocina, il Mê Kông attraversa ben cinque Paesi diversi. Dalla provincia cinese dello Yunnan alla Birmania, dalla Thailandia al Laos, fino alla Cambogia ed al Vietnam, esso ha tanti nomi quanti le regioni che attraversa, offrendo scenari naturalistici rara bellezza e varietà.

vicky-t-EY3tC81nFt0-unsplash.jpg

Siti Patrimonio Unesco Un viaggio tra i siti Patrimonio Unesco dell’Indocina trasporta il visitatore in un mondo irreale, magico, quasi a vivere un viaggio in un’altra dimensione. Perfetto da fare per chi è cerca di tranquillità, del contatto con la natura e di momenti di sorprendente armonia spirituale.