Destinazione: Cipro Nord

Cipro Nord


Cipro Nord
Alla scoperta di un mare limpidissimo tra siti archeologici, mosaici e affreschi bizantini in un crocevia di antiche culture.

Vero e proprio gioiello del Mare Nostrum, Cipro è stata per millenni un crocevia di popoli, religioni e culture. Le tracce della sua ricca storia si fondono oggi in un articolato insieme di testimonianze fenice, assire, romane, bizantine, veneziane e ottomane, che regalano al visitatore la vista di innumerevoli insediamenti preistorici, fortificazioni, templi, ville, basiliche, castelli e moschee. A fare da cornice a tutto questo, interminabili spiagge sabbiose, insenature nascoste, profumati agrumeti, distese di verde e un mare azzurro cristallino che conquistano da sempre gli amanti della natura. Cipro Nord è resa ancora più affascinante dalle sue terre incontaminate, rimaste lontane dai circuiti del turismo di massa. Qui è infatti possibile esplorare spiagge isolate, porticcioli di pescatori, villaggi arroccati tra le montagne e fortezze nascoste, come se il tempo si fosse fermato per custodire intatte le abitudini e la storia di questo angolo magico.

Magico e divino. Poiché si narra che fu abitata anche dalle divinità dell’Antica Grecia. Sarà proprio per la sua posizione, per la sua natura, per il suo clima, in una parola per la sua bellezza, che molti Dei dell’Olimpo, tra cui Zeus, Apollo, Dioniso, Poseidone, Artemide, Afrodite e Atena, elessero questa terra come propria dimora. In particolare Afrodite ne é tuttora considerata la madrina. La leggenda vuole infatti che la dea dell’amore nacque dalla schiuma del mare che bagna le coste dell’isola. Innamorata di Efesto, dio dei fabbri, degli artigiani e dei metalli, Afrodite si addentrò nell’isola per sposarlo. Tuttavia, questo desiderio non le impedì di innamorarsi di Adone, un bellissimo giovane che fu ucciso mentre era a caccia tra i boschi dell’isola. Si narra che dal sangue versato di Adone nacquero centinaia di anemoni, e che laddove il dolore fece cadere le lacrime di Afrodite sbocciarono fiori di roccia. Non sta certo a noi giudicare se si tratta di verità o finzione, ma vero è che questa - anemoni e fiori di roccia - é tuttora la flora che predomina nell’isola …

A rendere ancora più misteriosa e affascinante questa terra è la leggenda che vede protagonista il formidabile arciere Teucro, fratello dell’eroe greco Aiace e figlio di Telamone. Secondo la mitologia, finito l’assedio di Troia durato dieci anni, Teucro rimpatriò in Grecia insieme a migliaia di combattenti. Tornato nell’isola di Salamina, fu cacciato dal padre che lo accusò di non aver saputo proteggere Aiace e di non essere riuscito a vendicarlo uccidendo Ulisse. Allora, con alcuni fedeli amici Teucro si recò a Cipro, ove si stabilì e sposò la figlia del re. Qui fondò una città cui diede il nome di Salamina in ricordo della patria, e che si distinse come principale città dell’intera isola fino al settimo secolo a.C.

Ciò che Cipro Nord offre oggi al visitatore è un ricco insieme di testimonianze della propria storia, dei suoi miti e delle sue leggende. Tesori quali l’abbazia di San Barnaba, il monastero dell’ Apostolo Andrea e il castello di Sant’Ilario, situati sulle cime delle montagne cipriote, la meravigliosa rocca di Bellapais, le imponenti mura di Famagosta, il pittoresco porticciolo di Kyrenia e infine Nicosia, la capitale divisa, vi faranno senza dubbio innamorare di questa perla intatta del Mediterraneo.


Stai per viaggiare con Dimensione Turismo?
Compila il consenso al trattamento dei dati sensibili.